This is an example of a HTML caption with a link.

Chirurgia estetica



MASTOPLASTICA ADDITIVA


Descrizione:

La mammoplastica additiva e I’intervento con il quale si può aumentare e migliorare la forma del seno. Per ottenere il miglior risultato dal punto di vista estetico ed un aspetto naturale, le protesi vengono inserite in una tasca che il chirurgo crea sotto al tessuto mammario e sopra il muscolo gran pettorale, sotto il muscolo totalmente oppure parzialmente secondo la tecnica Dual Plane. Naturalmente devono essere fatte delle incisioni per inserire le protesi. Queste possono essere effettuate nella piega sottomammaria, dove rimane praticamente invisibile, intorno all’areola o nel cavo ascellare. I punti intradermici di sutura vengono rimossi dopo 10-12 giorni mentre non vengono tolti se usati fili riassorbibili. La paziente deve indossare un reggiseno giorno e notte per uno mese. Il lavoro e le attività sociali dovrebbero essere ridotte per almeno due settimane dopo l'intervento. Se il lavoro della paziente fosse tale da richiedere attività fisica quale sollevamenti, spinte, ecc., sarà necessario un periodo di convalescenza più lungo. La guida può essere ripresa due settimane dopo l'intervento.Le protesi non interferiscono con l’allattamento o con eventuali esami diagnostici. Non e mai stata dimostrata alcuna correlazione tra protesi e lo sviluppo di tumori. In quei casi in cui le mammelle siano molto pendule, può essere necessario un intervento di mastopessia in aggiunta o in sostituzione della mastoplastica additiva. La misura della protesi verrà discussa con il chirurgo all'incontro che precederà l'operazione. In tale sede saranno quindi considerati attentamente fattori quali le dimensioni della mammella, del torace e la costituzione generale, nonché le preferenze personali
Dopo l'intervento in anestesia generale sarà assolutamente necessario riposo a letto fino il giorno seguente, ma sarà consentito bere e un'alimentazione molto leggera. Saranno anche somministrati antibiotici e farmaci analgesici, se necessario. Il giorno successivo sarà consentito andare a casa dopo la visita di controllo del chirurgo.Se l'intervento sarà stato eseguito in anestesia locale la paziente potrà tornare a casa nella giornata attenendosi scrupolosamente alle indicazioni del chirurgo.

Una visita quarantotto ore dopo l'intervento sarà ancora necessaria ed un'altra ancora dopo 3-5 giorni per rimuovere una parte dei punti. Una sutura intradermica sarà rimossa dopo una settimana ancora. Un reggiseno piuttosto consistente rappresenterà la medicazione in tutto il periodo post-operatorio e dovrà essere rimossa solo dal chirurgo. Dopo 4-5 giorni dall'intervento sarà consentita anche una breve doccia. Dopo una settimana di riposo a casa sarà consentito di riprendere le normali attività quali passeggiare, guidare, partecipare ad attività sociali ma non sarà possibile riprendere le attività sportive prima di un mese.

Sanguinamento
Il sanguinamento è davvero raro, ma può verificarsi solitamente entro le prime 24 ore; in tal caso sarà necessario un ritorno in sala operatoria per rimuovere la protesi, fermare il sanguinamento, reinserire la protesi e richiudere la ferita. In ogni caso, se opportunamente trattato, un episodio di sanguinamento non causa altri inconvenienti.

Infezioni
Esse sono estremamente rare ma, se presenti, può essere necessario rimuovere l'impianto ed attendere alcune settimane o mesi.
Perdita di sensibilità del capezzolo. Anche essa e insolita, ma può essere causata dall'operazione e può in rarissimi casi essere permanente.
Indurimento. L'organismo reagisce nei confronti della protesi come con qualsiasi altro corpo estraneo, dando luogo alla formazione di una capsula fibrosa che con il tempo può tendere a costringere la protesi e darle una consistenza maggiore. Questa e la più comune complicanza a distanza della mastoplastica additiva anche se tale evenienza si e notevolmente ridotta con l'uso delle protesi a superficie rugosa (tesaurizzate). Un'ulteriore riduzione di frequenza della contrazione capsulare può essere ottenuta ponendo la protesi al di sotto del muscolo pettorale ma anche in questo caso essa può presentarsi dopo mesi o anni. Raramente questo problema richiede un intervento chirurgico, ma comunque, ai primi segni di variazione di consistenza, e opportuno consultare il chirurgo in modo da poter provvedere rapidamente con manovre esterne a far si che la mammella riacquisti la sua naturale morbidezza. Nei casi in cui l'impianto sarà sistemato al di sotto del muscolo pettorale, i primi giorni potrebbe presentarsi una sensazione di fastidio alla superficie anteriore del torace. Questa scomparirà molto rapidamente ed alla fine della prima settimana la presenza della protesi non sarà più notata dalla paziente.

Galleria foto:



 Tipo di intervento: 

Nome *  
Cognome *  
Email *  
Telefono *  
Indirizzo *  
Cap *  
Citta' *  
Provincia *  
Note
Codice di verifica CAPTCHA *
Trattamento dei dati Concedo il consenso *
 
       (* Campi obbligatori)
Siti internet Ferrara
Informativa estesa sull'uso dei cookies